coincidenze

poi capita che, per caso, tutti si pensi all’anima: alma, neshama, in arabo si dice “anima del mio cuore”, e una madre al figlio direbbe “sei il mio fegato”, come noi diremmo “sei la mia anima”.

viene da pensare che l’italiano sia una delle lingue più povere di parole che riguardano la spiritualità, o comunque che queste parole in altre lingue vengono usate molto spesso nei modi di dire, sono più familiari.

in giaponese kokoro è anima ma non solo, è un atteggiamento, indica una parola attiva, una vera e propria attività, non una condizione statica. si dice “hai un’anima grande”, ma nessuno lo direbbe di sè, è un omaggio all’altro.

una bella immagine: l’anima è come un passeggero che prende un taxi.

Explore posts in the same categories: Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

One Comment su “coincidenze”

  1. Rupprecht Matthies Says:

    well as we say in germany the cherries of the neighbor are awayls sweeter as the own once. dont feel so bad about italian german call it the language of love not bad.
    and what a nice article about the words i love it
    i like the diference between the active and passive way of language i like what you can say from you and to the honest of others.
    it belongs so much to the cultural diffenrences of the different regions.
    How is it going


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: