Archive for the ‘GAM’ category

MisurAzioni: guarda il video

maggio 2, 2010

Immagini da una giornata speciale.

maggio 1, 2010

una giornata speciale.

maggio 1, 2010

La Fondazione Merz ci accoglie. Ovunque famiglie, bambini, amici, gente che è venuta per dare un’occhiata, incuriosita. Lo spazio è aperto, l’atmosfera è speciale.

Si possono creare borse e abiti con le ragazze di Ecollective per Cittadellarte; ci si può far fotografare nel set della Fondazione Sandretto, utilizzando anche le maschere prodotte nel laboratorio Centauro Sopravento della Fondazione Merz; il Castello di Rivoli accoglie tutti nelle azioni di pittura collettiva; la GAM propone la creazione e l’utilizzo di diversi strumenti di misurazione; con il PAV si inventano piccoli magazine da portare a casa.

I laboratori andranno avanti per tutto il pomeriggio, e a seguire la notte giovane di zonarte con il dj set.

Domani saremo ancora tutti insieme per l’ultima giornata di zonarte.

Domani inizia il week-end di zonarte!

aprile 30, 2010

… altri due giorni di attività per i giovani e le famiglie. Tutti i laboratori proposti alle scuole durante la settimana, saranno fruibili al pubblico, gratuitamente e senza prenotazione.

Ad arricchire il programma, si aggiungono i laboratori curati da Associazione Itineraria per la  Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli: “Art Brut? Scienze?” e “Scultura, colore, mosaico… Policromie, materiali e fantasie“.

Vi aspettiamo!

Il Dipartimento Educazione della GAM per zonarte

aprile 23, 2010

Per zonarte la GAM ha ideato l’inedita proposta MISURAZIONI, rivolta a pubblici diversi e articolata in quattro laboratori: MISURARE IL SOFFIO, MISURARE IL CORPO, MISURARE IL CAMMINO, MISURARE LA MEMORIA, diverse attività che trarranno spunto da alcuni temi dell’Arte Povera. Si svolgeranno azioni in progress per rendere visibile un processo di misurazione che può espandersi in modo esponenziale. Bambini, giovani e adulti potranno mettersi in gioco ed esprimersi creativamente in un contesto carico di stimoli come è lo spazio della Fondazione Merz, lasciando segni personali dell’esperienza vissuta. Le produzioni individuali unite a quelle degli altri partecipanti costituiranno una significativa installazione collettiva. L’obiettivo è conciliare pensiero e azione, attraverso percorsi aperti, che possono andare in molte direzioni, creando nuove e fertili opportunità che rinnovano e dilatano la costruzione della conoscenza.